COMUNE DI
 CINQUEFRONDI

Home

Ufficio Elettorale
 

  » Il Sindaco

 

  » La Giunta

 

  » Il Consiglio

 

  » Le Delibere

 

  » Gli Uffici

 

  » Statuto Comunale

 

  » Regolamenti

 

  » Gare e Appalti

 

  » Concorsi e Bandi

 

  » Modulistica

 

 

 

 

 

 

Albo dei Giudici Popolari

Che cos'è

L'albo dei Giudici Popolari è l'elenco delle persone idonee all'ufficio di giudice popolare presso la Corte d'Assise di primo grado e secondo grado, costituito dai nominativi dei cittadini che presentano apposita domanda e che risultano in possesso dei requisiti richiesti dalla legge.

L'iscrizione all'albo è condizione necessaria per essere designati giudici popolari nella Corte d'Assise di primo e di secondo grado.



Requisiti per l'iscrizione

CORTE D'ASSISE (PRIMO GRADO)

· cittadinanza italiana e godimento dei diritti civili e politici
· buona condotta morale
· età non inferiore ai 30 anni e non superiore ai 65 anni
. titolo di studio di scuola media inferiore


CORTE D'ASSISE D'APPELLO (SECONDO GRADO)

· cittadinanza italiana e godimento dei diritti civili e politici
· buona condotta morale
· età non inferiore ai 30 anni e non superiore ai 65 anni
. titolo di studio di scuola media superiore


La domanda di iscrizione all'albo può essere presentata entro il  31 LUGLIO di ogni ANNO  DISPARI presso l'Ufficio Protocollo del Comune.

Il modulo per la domanda di iscrizione è disponibile presso l'Ufficio Elettorale oppure scaricabile dalla sezione allegati di questa pagina.


L'eventuale richiesta di cancellazione dall'Albo deve essere presentata nello stesso periodo, mediante la compilazione di un apposito modulo disponibile presso l'Ufficio Elettorale oppure scaricabile dalla sezione allegati di questa pagina .

Normativa di riferimento: Legge 10/4/1951, n. 287 "RIORDINAMENTO DEI GIUDIZI DI ASSISE"

 

Note

Non possono assumere l'Ufficio di Giudice Popolare (art. 12 Legge n. 287/1951)
 

-  i magistrati e, in generale, i funzionari in attività di servizio appartenenti o addetti all’ordine giudiziario;

-  gli appartenenti alle forze armate dello Stato ed a qualsiasi organo di polizia, anche se non dipende dallo Stato in attività di servizio;

-   i ministri di qualsiasi culto e i religiosi di ogni ordine e congregazione.